Farsi Tattoo è peccato? Ecco cosa dice la Bibbia sui tatuaggi

BibbiaFarsi Tattoo è peccato? Ecco cosa dice la Bibbia sui tatuaggi
La Bibbia, nel Libro del Levitico, dice: “Il Signore disse ancora a Mosè: “Parla a tutta la comunità degli Israeliti e ordina loro: Siate santi, perché io, il Signore, Dio vostro, sono santo” e, ad un certo versetto, prosegue: “Non vi farete incisioni sul corpo per un defunto, né vi farete segni di tatuaggio. Io sono il Signore”.

Ogni volta che si legge un passo biblico, soprattutto se appartenente al Vecchio Testamento, bisogna contestualizzarlo, per comprendere al meglio (anche se non si è teologi o religiosi) cosa Dio voleva indicarci e per quale ragione.
Ciò ci aiuterà a liberare la nostra fede da ogni cattiva o personalizzata interpretazione della Parola del Signore.

Non dimentichiamo che i sacerdoti -nostre necessarie guide spirituali- potranno aiutarci tantissimo a questo scopo.
Nel Levitico, in particolare, Dio parla direttamente al popolo di Israele, a quella che sarebbe stata la discendenza di Levi, una delle 12 tribù di Israele, e impartisce una serie di regole per purificarsi e per poterlo adorare degnamente ed insegnare ad altri a fare altrettanto.

In effetti, i Leviti sarebbero stati i sacerdoti del popolo israelita, coloro che, prima di ogni altro, avrebbero dovuto mostrare come comportarsi per onorare il Signore, liberandosi da qualunque idolo che allontanasse (come era accaduto in precedenza, per il popolo di Mose’) dalla fede vera.

Anche farsi tatuaggi religiosi è peccato
La nostra fede si deve imprimere nel cuore non sulla pelle ostentandola

Il pericolo era anche quello di affidarsi a pratiche esoteriche, di stregoneria, per cui i simboli incisi sulla pelle indicavano di appartenere a questa o a quell’altra superstizione.
Volendo fare un salto nel Nuovo Testamento, potremmo citare la Prima Lettera ai Corinzi, dove si legge esplicitamente che il corpo è il Tempio dello Spirito Santo, dunque va trattato e rispettato in base alla sua sacralità.
I tatuaggi satanici che dissacrano gesù

E volendo attualizzare il messaggio del Levitico, potremmo dire che molti dei simboli che si usano per farsi tatuare sono di origine equivoca, rappresentano spessissimo delle correnti esoteriche o blasfeme e potrebbero, pertanto, essere -anche all’insaputa di chi si fa tatuare- dei richiami per le forze demoniache: un inutile e azzardato invito a Satana ad entrare nelle nostre vite.

Del resto, nemmeno l’utilizzo di immagini sacre, nei tatuaggi, è saggio. In primo luogo, è spesso abusato e contaminato con altri simboli fuorvianti, che nulla hanno di sacro o di cristiano; in secondo luogo, potrebbero essere l’ostentazione di un certo moralismo -molto in voga al giorno d’oggi- che poco ha a che fare con la più autentica religiosità cristiana, con il messaggio evangelico, che si esprime e si realizza nel nascondimento, il più delle volte, e non è mai apparenza o appariscente.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI