Beatrice Fazi: l’aborto, il pentimento, il ritorno a Cristo

Beatrice Fazi, la nota attrice, aveva solo 20 anni quando decise di abortire. Era incinta di un uomo, molto più grande di lei, che non voleva più né lei, né il bambino, dopo un loro unico incontro.
All’epoca, disprezzava fortemente la religione cristiana e le sue “regole”, dopo aver preso molto male la separazione dei suoi genitori.

La decisione di interrompere la gravidanza innescò in lei una serie di eventi che la portarono molto lontana da Dio, a cercare la felicità per altre vie, non curante delle persone che la circondavano e potevano amarla: “Cominciai ad interessarmi alla filosofia buddista e, in qualche modo, la pratica della meditazione mi aiutò a lenire le mie ferite. Accadeva però un fatto strano: ogni qualvolta cercavo di concentrarmi, svuotando la mente per meditare, mi appariva, ondeggiando sul muro bianco che fissavo, il volto di Gesù, che fissava me. Mi attraeva, mi commuoveva”.

Gesù la chiamava, cercava di attrarre la sua attenzione per trasformarla completamente.
Beatrice Fazi avvertiva nel suo cuore che doveva assolutamente capirne di più, ma non sapeva ancora che, per, farlo, avrebbe dovuto cercare Cristo. Poi, fu lui a farsi trovare:

“Una sera, durante uno dei miei vagabondaggi, entrai in una chiesa di via del Corso, in cui esponevano il Santissimo e lo adoravano. Caddi seduta, sfinita, in un banco e, ancora una volta, cominciai a sciogliermi in un pianto silenzioso, una disperata richiesta di aiuto. Credo che da quella sera abbia avuto inizio, in un certo qual modo, la mia conversione”.

Quell’incontro la lasciò senza parole, davanti all’ostia consacrata che mostrava il Cristo vivo. Non fu facile superare il rimorso per l’interruzione di gravidanza scelto in gioventù, ma la fede l’ha aiutata e, quando ha deciso di chiedere il sostegno del Signore, non è rimasta delusa.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI