L’appuntamento con San Giuseppe di domenica 19 settembre da non perdere

Ci sono giorni come oggi, nell’anno dedicato a San Giuseppe voluto da Papa Francesco, in cui sono concesse Grazie davvero speciali. 

san Giuseppe con Gesù
photo web source

Un momento di grazia e di preghiera molto particolari, durante il quale è possibile anche ottenere una speciale indulgenza, secondo i canoni dettati dalla Chiesa. Un anno durante il quale, il Papa ci invita a far memoria di San Giuseppe e a pregarlo ancora più intensamente.

L’anno giuseppino

Un periodo durante il quale riflettere, meditare, pregare e contemplare la figura del padre putativo di Gesù. San Giuseppe è stata una figura essenziale nella vita del Bambino Gesù e che i Vangeli ci narrano proprio come “colui che ha protetto la Famiglia di Nazareth”.

Papa Francesco, per questo motivo e, anche, in occasione dei 150 anni dalla Proclamazione del Santo a Patrono della Chiesa universale, ha deciso di indire questo anno speciale di grazia, partito lo scorso 8 dicembre 2020.

La lettera apostolica “Patris Corde”

In una lettera apostolica, dal titolo “Patris Corde”, e dal decreto emanato dalla Penitenzieria Apostolica, Francesco ha spiegato che, durante questo anno, sarà possibile lucrare l’indulgenza per se stessi, ma anche per i propri defunti. Le condizioni sono: confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre.

Le indulgenze concesse quest’anno

Le indulgenze saranno concesse a:

  • chiunque affiderà quotidianamente la propria attività alla protezione di San Giuseppe e ogni fedele che invocherà con preghiere la sua intercessione;
  • chi reciterà le Litanie a San Giuseppe per intero o almeno qualche sua parte;
  • a coloro che reciteranno qualche preghiera a San Giuseppe, “a favore della Chiesa perseguitata ad intra e ad extra e per il sollievo di tutti i cristiani che patiscono ogni forma di persecuzione”;
  • meditando per almeno 30 minuti la preghiera del Padre Nostro;
  • compiendo, sull’esempio di San Giuseppe, un’opera di misericordia corporale o spirituale;
  • recitando il Rosario, nelle famiglie e tra fidanzati.

È da precisare che il dono dell’indulgenza è esteso “agli anziani, ai malati, agli agonizzanti e a tutti quelli che per legittimi motivi siano impossibilitati ad uscire di casa”.

Un anno di preghiera speciale che tutti dobbiamo cogliere al volo, invocando San Giuseppe affinchè porti ed accompagni le nostre preghiere a Dio.

LEGGI ANCHE: Nell’anno di San Giuseppe sono concesse grandi Grazie: come possiamo ottenerle?

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]