Apocalisse a Palermo: una bomba d’acqua sconvolge la città

Proprio nel giorno in cui Palermo celebrava la Santuzza, un cambiamento repentino delle condizioni meteo ha rischiato di fare una strage.

Un temporale improvviso e violento ha trasformato le strade di Palermo in fiumi. Come si vede dal video, l’acqua arrivava a coprire le automobili, tanto che due persone non ce l’hanno fatta a venirne fuori.

Le zone più colpite risultano essere via Brunelleschi, piazza Ingastone, via Messina Marine. Le due vittime accertate sono un uomo e una donna che, al sottopassaggio di via Leonardo da Vinci, sono rimaste intrappolate nella loro auto. Solo l’intervento dei sommozzatori è riuscito a raggiungerli. Intanto, in ospedale sono stati ricoverati molti in ipotermia, anche dei bambini.

Bomba d’acqua a Palermo: parla il Sindaco

Qualcuno ha abbandonato la vettura e si è tratto in salvo nuotando addirittura o grazie ad una catena umana. Il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha dichiarato: “Se l’allerta fosse stata diramata, sarebbero state attivate le procedure ordinarie che, pur nella straordinarietà degli eventi di oggi, avrebbero potuto mitigare i rischi. Ma non è il momento della polemica che lascio ad altri, anche perché so bene che la protezione Civile opera con grande professionalità, basandosi su delle previsioni meteorologiche fatte da altri e che oggi evidentemente nessuno poteva fare con accuratezza“. 

La corrente è mancata in molte zone e per parecchie ore, mentre si parla di un “evento meteorologico anormale”. Non cadeva così tanta pioggia a Palermo dal 1790, poiché la quantità di acqua che ieri ha investito la città solitamente cade in un anno: ben 79,4 millimetri.

 

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]