Donna anziana e sola, finge una rapina in casa, pur di avere qualcuno accanto

Donna anziana e sola, finge una rapina in casa, pur di avere qualcuno accanto
Anziana

Una donna anziana, ultranovantenne, ha messo in allarme i soccorritori e le forze dell’ordine, quando, un paio di giorni fa, li ha chiamati per denunciare di essere stata rapinata in casa propria e poi legata.

E’ accaduto a Napoli. Gli agenti sono arrivati sul posto, in pochi minuti, armati fino ai denti, perché, in una città come quella (come in tante altre), con un alto tasso di criminalità, non sapevano cosa aspettarsi.
Ma, quando hanno aperto la porta della casa di colei che li aveva chiamati con tanta urgenza, hanno appurato che la signora stava bene e che tutto era in ordine.

La donna anziana ha cominciato a parlare: “Erano in tre, hanno preso i soldi …”. “Potete restare con me?” , ma poi non ce l’ha fatta a reggere la bugia ed ha confessato: “Perdonatemi, è che sono sola, non esco di casa da un mese. Non ho nessuno e non mi posso permettere una badante … Voi mi portereste a fare un piccolo giro?”.
La signora faceva appello al loro buon cuore, che ha percepito tutta la solitudine di una persona abbandonata a se stessa, dimenticata da tutti, negli ultimi anni della sua vita.

Per gli agenti, che hanno a che fare, ogni giorni, con criminali e anime perse, deve essere stata una boccata d’aria fresca quella richiesta, che, tanto inaspettatamente, domandava un gesto di rispetto e di aiuto.
Ed è così che ha avuto inizio l’Operazione Nonna Ester. Gli agenti hanno scortato la signora per una passeggiata nel quartiere, poi, si sono fermati con lei a prendere un cappuccino al bar.

La tappa successiva è stata la chiesa, dove ha potuto pregare, finalmente, davanti all’altare.
Qui, gli agenti hanno pensato bene di segnalare al parroco la situazione ed il miracolo si è, così, compiuto. Il parroco, infatti, ha prontamente detto: “Tranquilli, ora subentriamo noi, una persona si prenderà cura di lei”.

Antonella Sanicanti