Adesso pure i Re Magi donna, ci mancava pure questa.

befana-1

Purtroppo siamo sempre più spesso costretti a raccontare episodi che ci lasciano in qualche modo di stucco, ormai la confusione regna sovrana,  e Sodoma e Gomorra sembrano più attuali che mai. I segni della Cristianofobia nel mondo sono evidenti e tangibili, ogni cinque minuti viene ucciso un cristiano, in molti paesi la soglia di tolleranza verso chi professa la propria fede è ridotta ai minimi termini. Il caso che vi proponiamo e quello suscitato dal sindaco madrileno la Signora Manuela Carmena, che prima non voleva allestire il grande presepe a Palacio de Cibeles, la sede del municipio, il primo cittadino, infatti, era stata chiara: il comune “non è dei cattolici”  Ma subito i commercianti erano subito insorti, anche perché le attrazioni natalizie hanno sempre portato nel centro madrileno migliaia di turisti, con chiari effetti benefici sulle casse di negozi e ristoranti. Scontata la retromarcia: il presepe s’è fatto, anche se ridotto a otto metri, anziché i consueti e tradizionali cinquanta.

Poi ha voluto stravolgere la festosa atmosfera del Natale madridista decidendo di apportare qualche cambiamento alle storiche sfilate dei Re Magi, che affollano le strade cittadine ogni 5 gennaio, vigilia dell’Epifania. In nome della parità di genere, Manuela Carmena ha stabilito che in due dei cortei Gaspare e Melchiorre saranno donne. Niente gonne, però: le figuranti avranno una barba posticcia, il che “è tutto molto dignitoso”, ha osservato la sindaca. Baldassarre, però, sarà uomo, è stato subito precisato: essendo per tradizione di colore, la “parità etnica” è garantita.

In nome della modernità e con la scusa che ormai il laicismo esasperato che anche la giunta della città di Madrid decanta,  si stanno perdendo tutte le sane tradizioni che paesi ultra cattolici come il nostro e la Spagna stanno rinnegando in nome della tolleranza, e del rispetto delle altre religioni, così per non urtare la suscettibilità degli altri si finisce per penalizzare come al solito i cattolici che tanto sono disposti a porgere l’altra guancia, a non lamentarsi e così tutti se ne approfittano e intanto ci stanno togliendo le nostre tradizioni, e i nostri simboli più cari. Ma attenzione al detto Deus non Irridetur, anche gli abitanti di Sodoma e Gomorra, erano talmente corrotti , peccatori e superbi, di pensare di rimanere impuniti, ma purtroppo per loro non è stato così. I tempi che stiamo vivendo sono particolari è il fatto che i 10 segreti di Medjugorje siano alle porte, che stiano per scadere i 100 anni concessi a satana per tentare la chiesa e l’umanità, l’anno di grazia giubilare dedicato alla Misericordia, sembrano segni importanti per farci riflettere su come ci sia l’urgenza di una profonda revisione del nostro modo di vivere, attendendo con fiducia il Trionfo Cuore Immacolato di Maria promesso dalla Madonna a Fatima. La pazienza di Dio è infinita, come la sua Misericordia ma come Gesù ha rivelato a Santa Faustina :«Oh! che grandi grazie concederò alle anime che reciteranno questa coroncina: le viscere della Mia Misericordia s’inteneriscono per coloro che recitano la coroncina. Scrivi queste parole, figlia Mia, parla al mondo della Mia Misericordia. Che conosca tutta l’umanità la Mia insondabile Misericordia. Questo è un segno per gli ultimi tempi, dopo i quali arriverà il giorno della Giustizia. Fintanto che c’è tempo ricorrano alla sorgente della Mia Misericordia, approfittino del Sangue e Acqua scaturiti per loro».(Diario, 23 dicembre 1936)