Addio al fondatore di Emergency: Gino Strada muore a soli 73 anni

L’Italia e il mondo intero sono in lutto per la morte di uno dei più importanti medici ed attivisti del nostro secolo.

gino strada
Gino Strada, fondatore di Emergency – photo web source

All’età di 73 anni, si è spento Gino Strada, fondatore della più importante ONG italiana, quale “Emergency”.  Una notizia arrivata così all’improvviso che ha sconvolto e commosso tutto il nostro Paese. Il cordoglio unanime.

Addio a Gino Strada

La sua creatura, fondata insieme a sua moglie Teresa, è stata “Emergency”. Ma Gino Strada, oggi, è salito al cielo. È morto poche ore fa. L’ultimissima sua attività è stato un articolo a sua firma, pubblicato dal quotidiano “La Stampa”, riguardante la situazione in Afghanistan.

Chi era il fondatore di Emergency

Nato a Milano nel 1948, si laurea in Medicina e Chirurgia nella sua stessa città nel 1978. La sua specializzazione in Chirurgia d’urgenza, lo ha portato ad iniziare la sua pratica nel campo del trapianto di cuore. Questo è stato fino al 1988, quando poi ha deciso di indirizzare la sua vita alla chirurgia traumatologica e alla cura delle vittime di guerra.

Il perché di “Emergency”

Un periodo molto particolare della sua vita, quello che va dal 1989 al 1994, lo vede impegnato con il Comitato internazionale della Croce Rossa in varie zone di conflitto, fra cui il Pakistan, l’Etiopia, la Somalia e la Bosnia Erzegovina. Sarà proprio questa esperienza che lo motiverà, insieme ad un gruppo di suoi colleghi e a sua moglie, a fondare “Emergency”, un’associazione umanitaria internazionale per la riabilitazione delle vittime della guerra e delle mine antiuomo.

Questa associazione, dalla sua fondazione alla fine del 2013, ha fornito assistenza gratuita a oltre 6 milioni di pazienti in 16 paesi nel mondo.

Oggi la triste notizia.

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]