A cosa serve l’Eucarestia? Ecco perché Gesù l’ha istituita

A cosa serve l'Eucarestia? Ecco perché Gesù l'ha inventataSapete per quale motivo viene assunta l’Eucarestia e per quale motivo Gesù l’ha creata?

Per chi ha una vita religiosa intensa potrà sembrare una domanda retorica, ma ci sono molte persone che potrebbero non sapere il significato profondo che si cela dietro l’Eucarestia, ecco perché spiegheremo il motivo per cui Gesù Cristo ha deciso di rendere simbolica l’assunzione dell’Eucarestia. Il tutto parte da un concetto semplice, Gesù diceva ai suoi apostoli che l’essere umano è composto da due parti distinte ed allo stesso tempo complementari, una pare “animale” ed una angelica. Se per nutrire la parte animale cerchiamo del cibo per rinvigorire il corpo e dell’acqua per idratarlo, per nutrire la nostra metà angelica abbiamo bisogno di un nutrimento differente, un cibo che arricchisca e rinvigorisca la nostra anima. Preghiera costante e opere di carità offrono un nutrimento che può giovare, ma perché queste due azioni diventino giornaliere è necessario che l’uomo si nutra di Dio.

Il rito Eucaristico permette a Dio di nutrire la nostra anima

Nel corso dell’ultima cena, Gesù ha mostrato ai suoi discepoli come si potesse condividere con gli esseri umani il proprio corpo ed il proprio sangue, in quel momento pane e vino hanno cessato di essere semplicemente degli alimenti e sono diventati simbolicamente e anche spiritualmente l’emblema di Cristo che si sacrificava per noi donandoci la salvezza eterna. L’assunzione dell’Eucarestia, divenuto in quell’istante nutrimento della nostra anima, serve dunque a rinnovare quel gesto di carità nei nostri confronti e ad indurci a portare agli altri i suoi insegnamenti, non solo a parole, ma anche nei fatti. Per questo motivo l’assunzione dell’Eucaristia non può essere nutrimento dello spirito se le intenzioni di chi la riceve non sono compatibili con il verbo da esso condiviso. Solo in quel caso l’Eucaristia, da semplice pezzo di pane diverrà nutrimento per l’anima, solo dopo aver compreso ed accettato questo dogma avranno senso le parole che Cristo ci dice: “Io sono il pane di vita. Chi viene a me non avrà fame, e chi crede in me non avrà sete”.

Luca Scapatello