8 neonati morti in circostanze sospette!

8 neonati morti in circostanze sospette!
Neonato

Dalla Gran Bretagna arriva la notizia di un’operatrice sanitaria che ha tolto la vita ad 8 neonati.
E’ accaduto al Countess of Chester Hospital, dove da tempo di stavano verificando delle morti sospette, nel reparto neonatale.

In effetti, i decessi indagati sono 17, avvenuti per collassi fatali, nell’arco dell’ultimo anno.
Ora, la polizia di Cheshire spera di aver arrestato la persona giusta, di cui non si specifica, per ora, né il nome, né il ruolo all’interno della struttura ospedaliera.
Il Countess of Chester Hospital ospita circa 400 bambini all’anno, ma pare che, negli ultimi 16 mesi, fosse diventato incapace di assistere i neonati prematuri, quelli nati prima delle 32 settimane. Poi, invece, si è scoperto che moltissime di quelle morti erano davvero inspiegabili.

Anche il Royal College of Pediatrics and Child Health aveva cominciato a raccogliere dei dati su questi strani accadimenti, arrivando ad affermare che l’ospedale in questione avesse assunto degli operatori neonatali non all’altezza dei requisiti richiesti, secondo i dettami della British Association of Perinatal Medicine. E’ stata proprio questa ricerca a dare il via alle indagini della polizia.
E’ l’ispettore Paul Hughes ad occuparsi del caso e a specificare che “sebbene questo sia un significativo passo avanti, è importante ricordare che l’indagine è ancora in corso. In questa fase non siamo in grado di fornire ulteriori dettagli”.

La macabra vicenda, che coinvolge le famiglie di quei bambini, il personale medico e anche gli altri pazienti dell’ospedale, deve essere spiegata al più presto, perché la società faccia giustizia per le piccole vittime innocenti. Intanto, un’equipe adeguata si sta occupando si sostenere i genitori, anche psicologicamente.
Il rapporto del Royal College of Pediatrics and Child Health denunciava anche un numero troppo esiguo di professionisti che si occupano dei degenti anziani e un’incapacità decisionale prevalente, in merito alle questioni sanitarie, di molti professionisti assunti.

Antonella Sanicanti