365 giorni con Maria: neppure nell’acqua si spegne la sua luce | 14 gennaio 2022

Il dipinto della Madonna della Lampada viene sommerso dalle acque del Tevere. Quando riemerge, addirittura i colori dell’affresco sono ancora più brillanti di prima, esattamente come la fiamma del lume perenne rimasta sempre accesa.

Nell’immagine sacra, che si trova nell’Isola Tiberina, la Madonna viene raffigurata in trono con Gesù Bambino e due angeli.

Madonna della Lampada
photo web source

La Madonna della Lampada di Roma, dopo essere finita in balia della acque del Tevere, stupisce tutti i presenti con un prodigio che resterà nei loro cuori.

La venerata immagine è un magnifico affresco che risale al XIII secolo, e si trova posizionata in una nicchia nel ponte detto dei Quattro Capi, a Roma, nel luogo centrale della Capitale noto come Isola Tiberina.

In precedenza, il quadro della Madonna della Lampada era più comunemente chiamato dalla popolazione “Santa Maria Cantu Fluminis”. Il popolo vi teneva sempre accesa davanti una lampada a olio, a mantenere viva una presenza che non li abbandonasse mai, nemmeno nelle difficoltà più dure.

Solo poi l’immagine fu rinominata con il nome, ancora ora in uso e maggiormente conosciuto, di “Madonna della Lampada”.

L’origine della devozione si data in un momento ben preciso della storia. È il 14 gennaio 1557. In questa data il fiume Tevere si trovava in una straordinaria piena.

L’immagine sacra, in cui la Madonna viene raffigurata in trono con Gesù Bambino e due angeli, viene trasportata nelle acque del fiume Tevere. Lì vi resta per diversi giorni.

Nel momento in cui la Madonna riemerge, quando l’acqua del fiume era tornata ai livelli normali di corrente e il pericolo peggiore era passata, tutti si accorsero di quanto era stranamente accaduto.

L’immagine dipinta sulla tela era più fresca di prima. Il disegno non era per nulla deteriorato, ma anzi sembrava ancora più fresco di prima, come se fosse stato appena dipinto.

Non era però l’unico particolare a destare stupore tra la popolazione. La lampada ad olio, infatti, che da sempre le ardeva dinanzi ogni giorno senza sosta, brillava ancora accesa. Così si originò il nome ancora oggi noto a tutti quanti la venerano.

Dopo quell’evento, l’immagine fu staccata e collocata nel luogo in cui ora si trova, all’interno della chiesa dell’Ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli.

Preghiera alla Madonna della Lampada

Dall’abisso profondo delle mie miserie io grido a Te: o Signora e Madre, accogli la mia preghiera. Inchina il tuo orecchio ad accogliere il gemito del mio pregare. Che se Tu volessi prima indagare la mia indegnità, chi potrebbe uscire illeso dal tuo esame?

Invece io so che Tu sei il trono della divina misericordia. In Te ripongo ogni mia speranza; in Te ho sperato dalla prima infanzia; sino alla sera della vita spererò in Te. Non è vero forse che Dio Ti ha eletta a sua Madre, perché Madre fossi anche ai poveri peccatori? Non Ti ha forse salutata Gabriele come la piena di grazia perché codesta tua pienezza togliesse da noi l’immane disgrazia d’esser figli di Eva?

Volgi a noi, o Maria, i tuoi occhi misericordiosi; Ti prenda pietà del popolo tuo, della tua Chiesa, delle nazioni, delle famiglie, delle anime redente dal Sangue del Figlio tuo. Convertici a Lui, o Signora, e ci convertiremo; rinnova ancora una volta nel mondo i trionfi della tua materna misericordia.

Amen.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it