365 giorni con Maria: invocata con Fede sconfigge l’epidemia | 12 gennaio 2022

Viene prontamente in soccorso alla cittadina e ai due sacerdoti che supplicano con grande fiducia la Madonna della Vetrana. I due ungono i malati di peste con l’olio della lampada che ardeva davanti al quadro: ciò che accade è miracoloso.

Tutto ha inizio sotto Natale da un carico merci infetto, ma in poco tempo il pericolo è sventato.

Madonna della Vetrana
photo web source

Attorno alla fine dell’anno 1690, la popolazione della cittadina pugliese di Castellana Grotte è scossa da una grave disgrazia, cioè da una pestilenza che si sta largamente diffondendo.

Il morbo aveva avuto modo di attecchire nella popolazione tramite un carico merci sbarcato a Monopoli, e da lì una terribile epidemia di peste si diffonde nel territorio a sud-est di Bari: è il 23 dicembre di quell’anno.

La notte della grazia

Nel giro di pochi giorni si vede una vera e propria decimazione della popolazione. Tuttavia, nella notte tra l’11 e il 12 gennaio 1961, la situazione inizia a migliorare in maniera improvvisa.

Infatti, in quella notte, due sacerdoti si riuniscono ferventemente a pregare davanti all’icona trecentesca della Madonna della Vetrana, affinché mettesse fine al terribile contagio. Il termine Vetrana è tra l’altro un termine dialettale che indica proprio la peste.

Il quadro miracoloso era posizionato all’interno di una chiesetta di campagna, non lontano dal centro abitato di Castellana: i sacerdoti iniziano così ad ungere gli ammalati con l’olio del lume che ardeva senza interruzione accanto al quadro, bruciando poi tutto ciò che era entrato in contatto col morbo.

Ecco che i contagi diminuiscono drasticamente. Tutt’ora, in questi giorni dell’anno, localmente si celebra la festa delle Fanove (dei falò), dove si bruciano alcune cataste di legna fino alla mattina del 12 gennaio.

Preghiera alla Madonna della Vetrana in questo momento difficile

Maria SS. della Vetrana,
già nostra potente mediatrice
presso il Padre
lungo i secoli passati,
ottienici la guarigione
per tutti i malati di covid-19,
l’arresto graduale della diffusione
dell’infezione nel nostro territorio,
in Italia e nel mondo
sostenendo anche la ricerca
di cure mediche
e prevenzioni del caso.

Siamo indegni di ottenere
quanto ti chiediamo
per il momento presente;
insistentemente Te lo chiediamo
per i meriti del Figlio tuo Gesù
e solo perché sia resa
gloria a Dio.
Amen.

Ave o Maria…

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it