Vangelo del giorno: Luca 12,8-12 – audio e commento

vangeloVangelo del giorno 20 ottobre 2018 sabato – XXVIII settimana del tempo ordinario – IV settimana del salterio – ANNO B

Dal Vangelo secondo Luca 12,8-12

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io vi dico: chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini, sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio. Chiunque parlerà contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonato; ma a chi bestemmierà lo Spirito Santo, non sarà perdonato. Quando vi porteranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi di come o di che cosa discolparvi, o di che cosa dire, perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire».

PAROLA DEL SIGNORE

Seguire Gesù è la nostra gioia più grande e vivere per Lui riempie il nostro cuore della pace. Egli è venuto per essere il “Dio con noi” e ci ha offerto la sua amicizia donando per noi la vita. La nostra professione di fede è innanzitutto una professione di amore. Lui merita di essere amato più di tutti e più di tutto e davanti agli uomini e agli angeli i veri discepoli e amici non solo non si vergognano di Lui ma lo annunciano a tutti come il più grande Bene della nostra vita. Come è mai possibile non riconoscerlo e rinnegarlo? Se questo poi comporta delle conseguenze per la nostra vita e persino per la nostra reputazione siamo felici, come gli Apostoli, di soffrire qualcosa per suo amore. Non temiamo di nulla: lo Spirito Santo ci suggerirà cosa dire e come rispondere a chi ci perseguita. Fidiamoci perciò sempre di Gesù e confidiamo nella protezione del Padre: noi siamo preziosi ai suoi occhi. La Vergine Maria ci aiuti e vivere così professando con coraggio e franchezza la nostra fede nel suo diletto Figlio e accettando per suo amore ogni contrarietà. Buona giornata. Vi benedico. Don Gaetano


Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI