Vangelo del giorno secondo Marco 10,32-45 – audio e commento

Vangelo di oggi 30 maggio 2018 mercoledì
“…chi è il primo tra voi si faccia servo di tutti”

Vangelo di oggi 30 maggio 2018 mercoledì della VIII settimana del tempo ordinario – IV del salterio – ANNO B

Dal Vangelo secondo Marco 10,32-45
In quel tempo, Gesù, prendendo in disparte i Dodici, cominciò a dir loro quello che gli sarebbe accaduto:
«Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai sommi sacerdoti e agli scribi: lo condanneranno a morte, lo consegneranno ai pagani,
lo scherniranno, gli sputeranno addosso, lo flagelleranno e lo uccideranno; ma dopo tre giorni risusciterà».
E gli si avvicinarono Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, noi vogliamo che tu ci faccia quello che ti chiederemo».
Egli disse loro: «Cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero:
«Concedici di sedere nella tua gloria uno alla tua destra e uno alla tua sinistra».
Gesù disse loro: «Voi non sapete ciò che domandate. Potete bere il calice che io bevo, o ricevere il battesimo con cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo».
E Gesù disse: «Il calice che io bevo anche voi lo berrete, e il battesimo che io ricevo anche voi lo riceverete.
Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato».
All’udire questo, gli altri dieci si sdegnarono con Giacomo e Giovanni.
Allora Gesù, chiamatili a sé, disse loro: «Voi sapete che coloro che sono ritenuti capi delle nazioni le dominano, e i loro grandi esercitano su di esse il potere.
Fra voi però non è così; ma chi vuol essere grande tra voi si farà vostro servitore,
e chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti.
Il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

PAROLA DEL SIGNORE

Dietro a Gesù, che davanti a noi traccia il cammino da seguire, a volte si resta sgomenti e impauriti. Questo avviene fino a quando il nostro cuore non sarà del tutto conquistato da Lui a tal punto che non esisterà altro che Lui per noi. Nel cammino della fede, immersi ancora nelle cose di questo mondo, abbiamo ancora da imparare a fidarci pienamente di Gesù, anche se la paura e lo sgomento a volte possono ostacolare la nostra seguela. Quando poi il nostro Salvatore ci fa conoscere la via della croce e ci chiede di non abbandonarlo, il più delle volte chiudiamo il cuore e continuiamo a seguire Gesù cercando un posto di gloria al suo fianco! Ma la gloria che offre Gesù non è di questo mondo e per arrivarci bisogna attraversare lo spessore della croce e vivere secondo lo stile del Figlio dell’uomo che non è venuto per essere servito ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti. Così chi vuole essere il primo sarà l’ultimo e il servo di tutti. Chiediamo alla Santa Vergine, perfetta discepola del suo Figlio, che ci aiuti in questo cammino dietro a Gesù.

Buona giornata. Vi benedico. Don Gaetano