L’unico Santo che ha ricevuto l’Eucaristia dalla Madonna

Non molti sanno che qualcuno ricevette l’Eucaristia dalle mani di Maria Santissima. Questo fatto unico accadde a San Silvestro Guzzolini, oggi ricordato.

San Silvestro Eucaristia Maria
San Silvestro Guzzolini: l’unico Santo che ricevette l’Eucaristia dalle mani di Maria Santissima

S. Silvestro Guzzolini (Osimo, 1177 – Fabriano 26 novembre 1267) nacque da una nobile famiglia marchigiana di Osimo, e dopo i suoi studi di Diritto bolognesi e di Teologia nel padovano, venne ordinato sacerdote. A 50 anni, canonico della cattedrale di Osimo, si trasferisce in una grotta presso Frasassi, scegliendo una vita eremitica. All’arrivo di molti che aderiscono alla sua scelta, decisero di adottare Regola di San Benedetto dopo un’apparizione dello stesso Santo: così nascono i Benedettini Silvestrini. E’ nel 1231 che Silvestro fonda il Monastero di Montefano (Fabriano), per poi costituirne altri 11 con più di 100 monaci facenti ormai parte dell’ordine.

L’abate Silvestro, come pochi sanno, era legato alla Madonna da una grande devozione. Il primo e mirabile aiuto che Maria porse a Silvestro, fu di averlo soccorso giacente quasi in fin di vita in fondo ad una scalinata dove precipitò per causa del demonio.

Quando Maria Santissima diede l’Eucaristia a San Silvestro abate

Ma nella sua biografia si sottolinea un fatto addirittura unico nell’agiografia (la letteratura relativa alla via dei Santi): Silvestro fu l’unico Santo che ricevette la Comunione dalle mani di Maria Santissima, che gli apparve in un momento di adorazione in una chiesa in Terra Santa.

Eucaristia Maria
San Silvestro riceve l’Eucaristia da Maria Santissima

Da fonti silvestrine si evince che “…mentre là pregava con il cuore, alla destra dell’altare apparve la Regina della Misericordia, il cui splendore superava quello del sole. Ella, con volto lieto e con parole suadenti, gli disse: «O figlio Silvestro, vuoi ricevere il Corpo del mio Figlio, il Signore Gesù Cristo, che Io Vergine concepii, Vergine diedi alla luce, rimanendo sempre Vergine dopo il mirabile parto?». Il Santo fu colto da immenso stupore e, con grande trepidazione, rispose: «Il mio cuore è pronto, o Signora, il mio cuore è pronto. Si compia la tua volontà in me, benché indegno».

Allora Ella, con le verginali sue mani, gli diede la santissima Comunione. In forza di Essa, la sua intelligenza fu illuminata da tanta luce che da allora in poi non incontrò più nulla di difficile o di oscuro nelle divine Scritture.
«O uomo felice al quale è sollecita ad andare incontro la Madre del Salvatore! Ella, che altra volta, lo aveva soccorso, ferito nel corpo, ora lo arricchisce di doni abbondanti». E Silvestro, pieno dello Spirito di Dio, cominciò a predire il futuro e a rifulgere, ancor più, di strepitosi miracoli”.

San Silvestro e il demonio

Silvestro dovette lottare spesso contro varie controversie e col demonio in persona: dapprima contro l’ostinarsi del padre che non lo avrebbe voluto consacrato ma magistrato, poi nel riuscire a perseguire la sua vocazione eremitica, poi per proteggere i suoi monaci dalle infestazioni demoniache a Monte Fano. Molto particolare fu il caso di liberazione da un’ossessione diabolica di una donna di Cagli (PU), che andava ripetendo: “Solo Silvestro può scacciarmi!”.

esorcismi - satana

Sentendo questo, i genitori la accompagnarono in pellegrinaggio a Roma sulla tomba di San Silvestro Papa (santo che si festeggia il 31 dicembre), ma a quel punto l’ossessa urlò: “Non lui, ma un altro Silvestro!”. Per casualità Silvestro si trovava a Roma, e i genitori della ragazza riuscirono a contattarlo rivolgendosi ai canonici di S.Pietro. Nel momento in cui l’ossessa lo vide, gridò forte lo spirito immondo in lei: “È lui, è lui che mi deve cacciare!”. E Così Silvestro ordina allo spirito impuro di andarsene, e lei ne è liberata.

L’eredità mariana di San Silvestro Guzzolini

San Silvestro abate riposa ora col suo corpo quasi incorrotto a Monte Fano, e sono risaputi i numerosi episodi di guarigioni da emicrania o malattie della testa.

Monastero di Monte Fano dove riposa San Silvestro abate – photo web source

Tutt’ora, l’ordine benedettino dei Monaci Silvestrini è molto legato alla figura di Maria, che celebrano solennemente, consentendolo le norme liturgiche, le feste della Vergine Santissima nella celebrazione eucaristica del sabato, giorno mariano, e nella recita del S. Rosario, raccomandato dalle norme dell’ordine.

Elisa Pallotta

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]