Silvia Buso: un miracolo avvenuto a Medjugorje

 Silvia Buso: un miracolo avvenuto a Medjugorje
Medjugorje

Silvia Buso aveva 16 anni, nel 2004, ed era ridotta a deambulare, usando una carrozzina.
Nel 2005, insieme al padre, decise di partecipare ad un pellegrinaggio che li avrebbe condotti a Medjugorje.
Una volta li, alcune persone si offrono di portarla di peso, presso la collina delle apparizioni, laddove la carrozzina non sarebbe mai potuta arrivare.

Quella sera, la Vergine Maria parlò col veggente Ivan, mentre Silvia Buso pregava, perché il Signore la aiutasse ad accettare la sua condizione.
Dopo un po’, intravide una luce, che durò per tutto il tempo dell’apparizione della Madonna, ma in un altro punto, di quel luogo santo.
Al termine della serata e delle intense preghiere di tutti, le stesse persone che l’avevano condotta fin li afferrarono Silvia Buso, per riportarla a valle, all’alloggio.

La ragazza, però, cadde rovinosamente, sulle pietre della strada, che le segnarono la schiena e la testa, nonché le gambe.
La soccorsero immediatamente, ma lei non dava più segni di vita.
Il tutto durò qualche interminabile minuto, in cui la diedero addirittura per spacciata.

Poi, Silvia Buso aprì gli occhi, come se si risvegliasse all’improvviso, e, tra la folla che assisteva incredula al prodigio, esclamò: “Sono guarita, cammino!”.
Raccontò, in seguito, di aver avuto la sensazione di essere atterrata su un materasso, mentre una voce le diceva di stare tranquilla e serena.
Silvia Buso fece il percorso di ritorno dalla collina delle apparizioni con le proprie gambe.
La sua guarigione servì anche perché tutta la sua famiglia intensificasse la pratica della fede.

A Medjugorje, a tutt’oggi, sono centinaia e centinaia le guarigioni testimoniate e documentate; molte riguardano il corpo, come nel caso di Silvia Buso, altre lo spirito. In ogni caso, le une non possono prescindere dalle altre, perché si completano e trasformano l’esistenza e la visione della vita sua questa terra.

Antonella Sanicanti