Santi Marcellino e Pietro, martiri sotto Diocleziano

Chi erano i Santi Marcellino e Pietro?

Santi Marcellino e Pietro vissero nel Quarto Secolo. Il primo fu un sacerdote, il secondo un esorcista. Subirono il martirio durante la persecuzione di Diocleziano. Morirono a Roma, in località Torpignattara, sulla via Casilina.

Santi Marcellino e Pietro martiri
Santi Marcellino e Pietro (websource)

Le notizie relative alla vita dei due Santi le ricaviamo dall’agiografia prodotta da papa Damaso I (366-384). L’agiografia ci dice che i giudici ordinarono che i due martiri fossero decapitati in una folta selva all’oscuro, cosicché i loro sepolcri restassero sconosciuti. Marcellino e Pietro, dunque, scavarono la tomba con le proprie mani e subirono il martirio, a causa della persecuzione di Diocleziano.

La matrona Lucilla fece seppellire Marcellino e Pietro

Dopo aver subito il martirio, i corpi dei due martiri furono effettivamente lasciati in loco e ignorati. Quando la pia matrona Lucilla venne a conoscenza dell’accaduto, si occupò personalmente di far trasferire i due Santi e di farli seppellire altrove. La matrona fece spostare i due Santi nelle catacombe Ad Duas Lauros (oggi catacombe di Marcellino e Pietro, a Torpignattara).

La Basilica in onore dei Santi

Sul luogo di culto fu eretta una basilica intitolata ai due martiri, la quale porta il nome di Basilica dei Santi Marcellino e Pietro. Successivamente la basilica è divenuta sede di titolo cardinalizio. Papa Damaso pose un carme sul loro sepolcro. Tuttavia i Goti distrussero il carme, ma papa Virgilio lo  rifece e inserì i nomi dei due martiri nel Canone della Messa.

La questione delle reliquie

Papa Gregorio IV inviò le reliquie dei due Santi in Francia. Successivamente furono traslate a Seligenstadt, in Germania. Fu Eginardo a trasportarle. Di lui sappiamo che era consigliere di Carlo Magno e autore dell’opera De Translatione et miraculis sanctorum Marcellini et Petri (La traslazione ed i miracoli dei santi Marcellino e Pietro). Alcune delle reliquie dei Santi erano rimaste a Roma.

Culto e iconografia

Marcellino e Pietro morirono a Roma nel 304. Ebbero grande popolarità nei primi secoli del cristianesimo, infatti i loro nomi sono presenti in una delle più antiche preghiere eucaristiche. La preghiera risale a papa Virgilio (357-555). L’iconografia rappresenta i due Santi come uomini di mezza età e con in mano un rotolo o una corona. Nelle catacombe a loro denominate sono rappresentati dall’affresco con il nome, senza aureola e accanto all’Agnello. La chiesa li ricorda il 2 giugno.

Fabio Amicosante

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]