Triduo a Santa Maria Goretti. Terzo giorno

Triduo a Santa Maria Goretti. Terzo giorno
Santa Maria Goretti

Ecco come comincia un documento, che sembra tanto l’ennesima confessione dell’assassino di Maria Goretti (1890-1902, Ancona).
Lui, Alessandro Serenelli, diceva: “Sono vecchio di quasi 80 anni, prossimo a chiudere la mia giornata. Dando uno sguardo al passato, riconosco che nella mia prima giovinezza infilai una strada falsa: la via del male che mi condusse alla rovina”.

E continua dicendo che “la stampa, gli spettacoli e i cattivi esempi” lo portarono lungo una strada buia e al delitto che, poi, gli farà orrore, per il resto della sua vita.
Poi aggiunge una grande verità: “Maria Goretti, ora Santa, fu l’Angelo buono che la Provvidenza aveva messo avanti ai miei passi. Ho impresse ancora nel cuore le sue parole di rimprovero e di perdono. Pregò per me, intercedette per me, suo uccisore”.

Alessandro Serenelli scontò circa 30 anni di prigione, tempo in cui poté riflettere sul male compiuto, di cui si era pentito, ma a cui non poteva più rimediare.
Dopo quei 30 anni, passò il resto della sua vita presso i Minori Cappuccini delle Marche. Conclude la sua lettera dicendo che nessuno mai dovrebbe comportarsi come lui o rifiutare gli insegnamenti di Cristo, perché senza di lui non c’è né vita, né salvezza.

Preghiera a Santa Maria Goretti

Leggiamo Giovanni 12, 23-25
Per intercessione di Santa Maria Goretti, riscopriamo il valore prezioso della Croce redentiva di Cristo, ripetendo: Signore, insegnaci ad unire alle Tue le nostre sofferenze.
Per riconoscere nelle Croci di ogni giorno il volto dolcissimo di Gesù sofferente che ci chiede umilmente di accoglierlo con amore, preghiamo: Signore, insegnaci ad unire alle Tue le nostre sofferenze.

Per vedere Gesù Crocifisso, glorioso in ogni malato, sofferente, povero, bisognoso che incontriamo, affinché possiamo amare Dio in ognuno di loro, preghiamo: Signore, insegnaci ad unire alle Tue le nostre sofferenze.
Per essere aiutati ad affrontare la paura del dolore e della morte, affinché con l’aiuto della Grazia di Dio possiamo affrontare le difficoltà della vita con serenità e fiducia, preghiamo: Signore, insegnaci ad unire alle Tue le nostre sofferenze.

Per servire, amare, dimenticarsi per gli altri, fidarsi della Provvidenza, adorare il Signore nei gesti quotidiani e nella preghiera incessante, preghiamo: Signore, insegnaci ad unire alle Tue le nostre sofferenze.
Padre Santo, per intercessione di Santa Maria Goretti, aiutaci a perdonare sempre tutto a tutti, ad imitazione della Vergine Santissima e di Gesù in Croce, per Cristo nostro Signore. Amen.

Antonella Sanicanti