San Rodrigo, martirizzato per mezzo del fratello musulmano

Chi era San Rodrigo di Cordova?

All’epoca del sacerdote don Rodrigo (VIII secolo, Spagna), Cordova, la città dell’Andalusia, era sotto il dominio e l’influenza degli arabi musulmani.

San Rodrigo

Don Rodrigo stesso aveva un fratello cristiano e un altro musulmano. Questo fatto determinava continuamente dei litigi in famiglia. E proprio una terribile discussione tra i suoi fratelli sarà il pretesto per cui don Rodrigo verrà martirizzato.
Un giorno i fratelli, il cristiano e il musulmano, arrivarono alle mani. Lui intervenne per dividerli, ma ebbe la peggio: fu malamente colpito, tanto che svenne.

Il fratello musulmano lo mise sul carretto, al fine di portarlo in strada e raccontare una menzogna sul suo conto, che lo avrebbe diffamato per sempre.
A tutti coloro che gli chiedevano cosa fosse successo, il fratello musulmano raccontava che don Rodrigo stava per morire ed aveva deciso, in fin di vita, di abbracciare la fede musulmana, rinnegando Cristo.

San Rodrigo, ingannato dal suo stesso fratello

Quando don Rodrigo si riprese, si fece rivedere, in giro, vestito da sacerdote, completamente ignaro dell’inganno ordito dal fratello islamista. Quest’ultimo, a quel punto, ebbe il pretesto per trascinarlo davanti al giudice musulmano, accusandolo di aver trasgredito alla loro legge.
Il fratello stesso volle dichiarare: “Questo si era fatto seguace dell’islam e ora è tornato cristiano: ha tradito la nostra fede”.

L’unica cosa che avrebbe potuto salvare don Rodrigo era giurare fedeltà all’islam, come suggerito dallo stesso giudice che lo esaminava. Don Rodrigo, però, si rifiutò e a nulla valsero le sue spiegazioni sull’essere stato sempre cristiano. Fu condannato a morte -seppur anche il giudice ne comprendeva l’innocenza- come molti altri della sua epoca e per le medesime accuse infamanti.
Il suo corpo venne gettato nel fiume Guadalquivir, poi recuperato e seppellito nella Basilica di San Genesio, presso Cordova. E’ ricordato dalla Chiesa il 13 Marzo.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it