San Pio da Pietrelcina: il miracolo che lo ha reso Santo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30

Il miracolo che rese Santo Padre Pio è quello di Matteo Pio Colella, il bambino di sette anni, guarito miracolosamente per sua intercessione. San Pio divenne Santo il 16 giugno del 2002, durante il pontificato di Giovanni Paolo II.

Matteo Pio Colella e San Pio
Matteo Pio Colella (websource)

Il processo di Beatificazione e successiva Canonizzazione di San Pio da Pietrelcina iniziò un solo anno dopo la sua morte, avvenuta nel 1968. Molti testimoni furono ascoltati e si raccolsero 104 volumi tra disposizioni e documenti. Il 21 gennaio del 1990, Padre Pio venne proclamato Venerabile. Divenne Beato il 2 maggio del 1999 e, infine, fu dichiarato Santo da Papa San Giovanni Paolo II, in piazza San Pietro, il 16 giugno del 2002. Il miracolo con il quale Padre Pio divenne ufficialmente Santo risale al 2000 e si tratta della guarigione del giovane Matteo Pio Colella, nato nel 1992 a San Giovanni Rotondo.

Padre Pio e la vicenda del piccolo Matteo

Era il 20 gennaio del 2000, Matteo aveva sette anni e frequentava la seconda elementare nella scuola “Francesco Forgione”. Quella mattina, la sua maestra, Concetta Centra, si rese subito conto che il bambino non si sentiva molto bene. Le maestre chiamarono subito i genitori, perché si notavano quelli che sembravano semplici sintomi di influenza. Matteo tornò a casa e passò il pomeriggio con suo padre. La situazione iniziò ad aggravarsi verso sera, quando Matteo iniziò a sentirsi peggio.

Il ricovero immediato di Matteo

Le condizioni di Matteo peggiorarono durante l’arco della giornata: la febbre salì fino ai 40 gradi, accompagnata da vomito. La sera, quando Matteo non riconobbe più sua madre, fu portato immediatamente in ospedale. Matteo venne ricoverato presso la casa “Il sollievo della sofferenza”, voluta esplicitamente dal Santo frate. Tragica la diagnosi: si trattava di meningite fulminante. Matteo fu portato immediatamente in Rianimazione.

Il giorno seguente

Le speranze dei medici iniziarono a venire meno soprattutto il giorno seguente, il 21 gennaio. Le condizioni di Matteo erano seriamente compromesse, la malattia aveva danneggiato quasi tutti gli organi e, nonostante il trattamento intensivo, il cuore di Matteo batteva 23 volte al minuto. Queste le parole del ragazzo, intervistato da Fabio Bolzetta: «Per il caso clinico, io non dovrei essere qui, la loro fede nel riuscire a guarirmi si era spenta».

Le preghiere a Padre Pio

Antonio Colella, padre di Matteo, lavorava come medico proprio nell’ospedale di Padre Pio. La sua testimonianza ci fa capire come, da un punto di vista medico, la situazione di Matteo era tragica. Infatti, nell’ambito di un’intervista, spiegò che in letteratura, con più di quattro organi compromessi dalla malattia, le probabilità di sopravvivenza sono pressoché nulle. La madre di Matteo, devota di Padre Pio, si affidò alla preghiera, sviluppando una grande catena di preghiere a Padre Pio, con i fratelli e tutti i familiari, presso i conventi di San Giovanni, affinché il Santo potesse intercedere.

La guarigione di Matteo

Matteo era in coma farmacologico da ormai una decina di giorni, passati i quali, i medici tentarono un disperato tentavo di svegliarlo. Matteo si riprese immediatamente, chiese un gelato ai suoi genitori e un videogioco a suo fratello. Da quel momento la ripresa è stata molto rapida: il 5 febbraio riacquistò il respiro spontaneo e il 12 febbraio fu riportato nel reparto pediatrico. Da allora si ebbe la certezza della sua straordinaria guarigione.

Il racconto di Matteo

Matteo era solo un bambino, ma capì ciò che gli era successo. Quando si è svegliato, raccontò a sua madre ciò che gli era accaduto: Per Matteo non erano trascorsi 11 giorni, era come se fosse passata una sola notte, durante la qual sognò di essere insieme a Padre Pio. Il Santo strinse la mano del giovane, dicendogli: «Non ti preoccupare, guarirai».

La guarigione inspiegabile per la scienza

Quella di Matteo Pio Colella fu a tutti gli effetti una miracolosa guarigione. I medici si trovarono, con gioia, di fronte a un caso del tutto inspiegabile da un punto di vista scientifico. Il dottor Alessandro Villella spiegò: “Non sono in grado di spiegare scientificamente la completa guarigione del piccolo Matteo Colella, senza dover pensare che possa esservi stato un intervento soprannaturale”. La Congregazione delle cause dei Santi, il 22 novembre 2001 dichiarò che “La guarigione, rapida, completa e duratura, senza postumi, era scientificamente inspiegabile”.

Per approfondire San Pio da Pietrelcina: clicca qui

Novena a San Pio da Pietrelcina: clicca qui

Fabio Amicosante

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]