San Gilberto: fondatore dell’unico Ordine monastico in Inghilterra

Chi era San Gilberto?

San Gilberto è stato il solo a diffondere un Ordine monastico in Inghilterra.

San Gilberto
foto web source

Gilberto (1083-1189, Inghilterra) era votato alla fede cristiana sin da piccolo e, dopo gli studi e un luogo viaggio in Francia, cominciò ad amministrare le chiese di Sempringham e di Terrington, distribuendo tutto ciò che poteva ai poveri.
In quel tempo, fu al servizio del Vescovo Roberto Bloet, prima, e dei suoi successori, poi, mentre veniva ordinato sacerdote e penitenziere della Diocesi, riscuotendo grande fiducia, tra i suoi superiori e i fedeli laici.

San Gilberto, padre dei Gilbertini

A Sempringham, nel 1130, fondò un Monastero femminile di clausura, secondo la Regola Benedettina. Volendo crearne anche uno maschile e non trovando l’appoggio dei Cistercensi, che avrebbe voluto come guide del suo gruppo di religiosi, istituì una propria Regola e un proprio Ordine religioso, quello dei Gilbertini, approvati da Papa Eugenio III, nel 1148, e confermato da Papa Adriano IV e da Papa Alessandro III, in seguito.

Quando il Cancelliere del Regno d’Inghilterra, nonchè Arcivescovo di Canterbury, Tommaso Becket, oggi anch’esso santo, si oppose alla politica del Re Enrico II, Gilberto si schierò dalla parte del prelato. Solo perché molto stimato dal Re, riuscì a sfuggire ai persecutori più violenti, mentre Monsignor Tommaso Becket veniva, prima esiliato, poi messo a morte.

Divenuto troppo anziano e ultracentenario, chiese asilo in uno dei suoi Monasteri (che intanto si erano moltiplicati), sottoponendosi, come semplice Monaco, a servizio di un suo discepolo. Li morì, il 4 Febbraio del 1189, giorno in cui si commemora.
L’Ordine dei Gilbertini è stato l’unico e il solo sorto in Inghilterra. Purtroppo, quando, verso la fine del XV secolo, Re Enrico VI di Lancaster sedette sul trono, dispose lo scioglimento di ogni Ordine monastico e anche l’Ordine di Gilberto si disperse.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI