San Costantino: lasciò il trono per convertire la Scozia

Chi era San Costantino di Cornovaglia?

Costantino (520-576, Inghilterra) fu il Re della Cornovaglia e, come tale, non fu molto clemente, prima di incontrare Cristo!

San Costantino
photo web source

Il Re della Cornovaglia, Costatino, aveva persino ripudiato la moglie, per poter commettere  adulteri a suo piacimento, e ingannato i nemici, assalendoli e uccidendoli -tra l’altro vestito da Abate, davanti all’altare di un Santuario- dopo aver promesso loro la pace.
Poi, incontrò San Petroc e la sua vita cambiò totalmente, poiché si convertì al cristianesimo.

Anche il Santo era stato un nobile, in quanto Principe del Galles, e il suo esempio gli mostrò un uomo completamento rinnovato dal messaggio del Vangelo e dalla grazia del Salvatore del mondo.
Così, anche Costantino si rese conto dei suoi terribili misfatti e si pentì amaramente. Dopo la morte della moglie, abdicò, lasciando addirittura il trono al figlio Bledric.

San Costantino convertì la Scozia e per questo fu martirizzato

Decise di dedicarsi interamente a Dio, pertanto fondò Chiese e Monasteri; studiò con meticolosità le Sacre Scritture e fece, per qualche tempo, vita da eremita. Si avvalse degli insegnamenti di tanti Santi del suo tempo e si propose di visitare molte terre, in cui portare le parole del Signore Gesù Cristo.

Si attribuisce a San Costantino la conversione della Scozia e dei Pitti, il popolo pre-celtico e tribale che abitava allora in quei luoghi.
Proprio li e per questo motivo, fu anche il primo Martire della Scozia: il 9 Maggio del 576 fu, infatti, ucciso da un gruppo di pagani.
Il suo corpo fu portato a Govon (Scozia), nella Chiesa che, ben presto, fu dedicata a lui.
San Costantino si celebra il 9 Marzo in Galles e in Cornovaglia; l’11 Marzo in Scozia; il 18 Marzo in Irlanda.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it