Triduo di ringraziamento a San Giuseppe – secondo giorno

Come possiamo dire “grazie” a San Giuseppe, per la sua presenza nella nostra vita?

Dopo aver celebrato San Giuseppe, il 19 Marzo, e dopo aver dedicato l’intero mese di Marzo al padre putativo di Gesù Cristo, vogliamo ringraziare il papà dei papà.

san Giuseppe

A San Giuseppe possiamo chiedere tante cose, come di sostenerci quando abbiamo bisogno di trovare un lavoro dignitoso; a lui ci rivolgiamo per le persone che stanno lasciando questa vita, perché muoiano in grazia di Dio; a lui chiediamo di difendere noi e la nostra famiglia dagli attacchi del demonio.

Il Triduo che segue è un omaggio a lui e può essere fatto anche quando abbiamo bisogno di chiedergli delle grazie importanti o ci sentiamo bisognosi si avere un sostegno nella fede.

Triduo di ringraziamento a San Giuseppe – secondo giorno

Santissimo sposo di Maria, con il cuore pieno di riconoscenza io vengo a te per ringraziarti di aver, con paterna bontà, accolta ed esaudita la mia preghiera. O caro Santo, come ascoltasti la mia invocazione di soccorso, accogli ora il mio canto di gratitudine. Nessuno mai, ricorrendo a te, è rimasto deluso.
3 Gloria.

Inclito custode del Verbo Incarnato, sia benedetto il momento in cui fiducioso mi sono rivolto a te. Il mio gemito fu da te ascoltato, la mia preghiera fu da te esaudita. Sii eternamente benedetto, o capo augusto della Sacra Famiglia.
3 Gloria.

O eccelso taumaturgo, in segno di riconoscenza per aver sperimentato il tuo potere sui Cuori di Gesù e di Maria, mi propongo di far conoscere a tutti la tua dignità e potere, con la parola e con la stampa, per indurre tutti a rivolgersi a te con fiducia in tutte le necessità fisiche e spirituali.
3 Gloria.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI