La città di Polignano si abbellisce per San Vito

La città di Polignano si abbellisce per San Vito
San Vito a Polignano

La fama dei poteri taumaturgici di San Vito arrivò a Polignano, in provincia di Bari, grazie alla testimonianza della signora Fiorenza, una nobildonna che si era trovata coinvolta in una tempesta, lungo il fiume Sele (Campania).
La signora Fiorenza iniziò a pregare per la sua sorte e Dio le inviò San Vito in soccorso, il

Santo ragazzino, martirizzato proprio presso il Sele, luogo in cui aveva cercato rifugio, scappando dai soldati dell’Imperatore Diocleziano.
In seguito a quell’episodio, si attribuì a quella nobildonna il ritrovamento e la sepoltura, in quei luoghi, dei corpi di San Vito e delle due persone, martirizzate insieme a lui, che se ne prendevano cura e che lo avevano iniziato alla spiritualità cristiana: Crescenzia e Modesto.

Se non che, tempo dopo la signora Fiorenza ebbe una nuova visione di San Vito, in sogno, proprio nel momento in cui il fratello era gravemente malato.
San Vito le avrebbe concesso la guarigione del fratello, se lei si fosse occupata di far traslare le sue spoglie e quelle di Crescenzia e di Modesto dal Sele al porto di Locus Marianus, presso Polignano, appunto.

La nobildonna, non solo si occupò di realizzare le richieste del Santo, ma fece anche costruire una chiesa, a Locus Marianus, in onore dei tre Martiri, che donò, poi, ai frati Benedettini.
Il culto di San Vito è diffusissimo, in Italia, come nel resto del mondo, in Paesi come la Repubblica Ceca, la Croazia, il Brasile.
A Polignano si festeggia per tre giorni consecutivi, a partire dal 14 Giugno.

Quel giorno una processione, prima via mare, poi via terra, porta la statua del Santo fino al centro storico della città, dove è allestito un altare, su cui sosterà fino al 16 Giugno, per mettere ai fedeli di onorarlo. Da li, poi, ritornerà, accompagno sempre dai fedeli in processione, nella propria Abbazia.

Antonella Sanicanti