Papa Francesco, il monito per la Quaresima: “Fare spazio nel nostro cuore a chi ha sbagliato”

Un ammonimento forte quello di Papa Francesco durante l’omelia

“E’ inutile il digiuno in Quaresima quando non si rispettano gli operai”.

 

papa francesco omelia rispetto operai
omelia papa francesco gettyimages

Un monito forte quello del Santo Padre, arrivato direttamente questa mattina durante l’omelia della celebrazione in Santa Marta.

La riflessione sulla liturgia di oggi

Il tutto parte da una riflessione sulla prima lettura della Liturgia di oggi, dal libro del Profeta Isaia, quando si racconta che il popolo si lamentava con il Signore poiché lui non ascoltava i loro digiuni. “Il Signore non guarda il nostro digiuno solo se non mangiamo la carne, ma ci osserva in ogni nostra azione. Gesù ha condannato tutti coloro che fanno solo digiuni esteriori, ma non hanno la verità nel cuore”.

Un’osservazione forte quella di Papa Francesco, che aggiunge: “Il digiuno vero è anche non sfruttare gli operai. Digiunare non deve essere solo un’osservanza esterna, ma deve essere qualcosa che ci sentiamo di fare, che viene dal cuore”.

“Rispetti i tuoi dipendenti?”

Il santo Padre ci istruisce anche sull’osservanza dei 10 comandamenti: “Non ne posso osservare solo alcuni ed altri no. Essi sono tutti uniti, perché tutto unito è l’amore di Dio. La penitenza reale è quella che si fa non solo davanti a Dio, ma soprattutto con i fratelli e con il prossimo”. Altro punto sul quale si concentra la riflessione del Papa è quello dell’ingiustizia, un’ingiustizia che parte anche dai nostri luoghi di lavoro: “Che rapporto hai con i tuoi dipendenti? Li rispetti, dai loro il giusto salario? Ed i contributi per la pensione? Non possiamo essere ipocriti dicendo di fare queste cose e poi non le facciamo, o le facciamo soltanto con una parte dei nostri dipendenti e con un’altra no. Questo è un peccato grave”. E ancora: “Non è un buon cristiano quello non fa giustizia con le persone che dipendono da lui, ma è buono quello che si spoglia di qualcosa per darla a chi ne ha più bisogno”.

Una preghiera particolare chiede Papa Francesco per questa Quaresima, ovvero quello di riuscire a fare spazio nel nostro cuore a quelli che, verso noi, hanno sbagliato. Perché la resurrezione di Gesù porta anche questo: perdono e riconciliazione verso tutti noi.

ROSALIA GIGLIANO

Fonte: aleteia.org