Novena a San Giovanni Paolo II, ottavo giorno: il perdono

Il 22 ottobre celebriamo la memoria liturgica di Giovanni Paolo II. Con la seguente novena ci apprestiamo a conoscere meglio questo straordinario Papa.

San Giovanni Paolo II Papa
San Giovanni Paolo II (websource)

Con la novena a Giovanni Paolo II ci uniamo in preghiera al fianco di uno dei Pontefici più amati della storia. «Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!  Non abbiate paura! Cristo sa “cosa è dentro l’uomo”. Solo lui lo sa!». Con queste parole, San Giovanni Paolo II dava inizio al suo pontificato, nel 1978. Il Santo Pontefice è stato il primo Papa polacco della storia. Il suo grande senso di “apertura” lo portò a compiere ben 104 viaggi in tutto il mondo, con i quali stabilì una grande attività di contatto con la popolazione, soprattutto con i più giovani. Risale infatti agli anni ’80, nel pieno del suo pontificato, la creazione della Giornata mondiale della gioventù.

Il Perdono di San Giovanni Paolo II

Il 13 maggio del 1981, in Piazza San Pietro, un killer di nome Mehmet Ali Ağca, sparò quattro colpi di pistola, ferendo gravemente il Santo Padre Giovanni Paolo II. Passarono alcuni mesi e il Santo Pontefice perdonò il suo attentatore. A due anni da quell’attentato, Giovanni Paolo II volle incontrare personalmente l’attentatore.

L’incontro del perdono

Era il Natale del 1983 quando San Giovanni Paolo II decise di incontrare il suo attentatore. Il Santo Pontefice si recò in prigione e parlò personalmente con l’uomo che tentò di ucciderlo. A seguito della conversazione, il Santo Padre concesse il perdono all’uomo. Di seguito le parole di Wojtyla: «Ho parlato con lui come si parla con un fratello, al quale ho perdonato e che gode della mia fiducia. Quello che ci siamo detti è un segreto tra me e lui».

Novena a San Giovanni Paolo II – ottavo giorno

Credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio, Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la Santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna.

Padre Nostro; Ave Maria; Gloria al Padre.

Santissimi Cuori di Gesù e Maria, fonti di immenso amore per l’intera umanità, volgetevi verso noi e concedeteci di saperci abbandonare totalmente a Voi. Anche noi vogliamo essere come San Giovanni Paolo II totalmente vostri. Giovanni Paolo insegnaci ad affidarci con lo stesso slancio al cuore di Gesù e Maria, perché anche nelle difficoltà possiamo dire: “Siamo totalmente vostri”. Tu che nella preghiera ci hai indicato un grande tesoro, accogli le nostre e deponile ai piedi della Santa Vergine e del Salvatore.

Fabio Amicosante

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]