Medjugorje Vicka: Il segreto dei due Rosari venuti dal cielo

Tra le tante curiosità che avvolgono la vita di Vicka (una delle sei veggenti di Medjugorje) nel mistero c’è n’è una che precede il periodo delle apparizioni mariane e che in un certo senso le anticipa.

Un giorno la piccola Vicka doveva andare con il fratello a raccogliere la legna con la moto slitta, non appena si è avvicinata al veicolo il fratello ha notato due collanine abbandonate sul sedile, si trattava di due rosari insoliti, uno con un crocifisso riportante le 14 stazioni della Via Crucis e l’altro con una crocifisso adornato da reliqui

Non sapendo di cosa si trattasse i due bambini guardarono a lungo i due oggetti sacri e poi pensarono che si trattasse di un dono per la madre e la nonna che, a detta di Vicka, pregavano troppo poco. Di ritorno a casa la madre chiese loro chi avesse portato i rosari e loro dissero che non lo sapevano, così, la donna fece il giro del paese per trovare i proprietari ma senza alcun risultato.

Padre Janko che conosceva già da prima la storia dei rosari, in un intervista di qualche anno fa chiese alla veggente se avesse alla fine scoperto chi aveva recapitato i due rosari e perché non avesse chiesto alla Madonna lumi su questa vicenda, la veggente quasi sorpresa gli rispose:

“Come no, glielo abbiamo domandato. Io le ho chiesto da dove provengono e a che scopo ci sono state recapitate e lei ha risposto semplicemente che si tratta di un dono di Dio e che sono per il nostro bene”.

Insomma, ancor prima di apparirle la Madonna si è messa in contatto con Vicka per instradarla al messaggio che più avanti avrebbe condiviso anche con gli altri: “Il mondo soffre ed è necessario che tutti preghino di più affinché il male scompaia del tutto”.