Medjugorje: la preghiera è la nostra opportunità per rinnovarci

La Madonna ci invita a ritornare alla preghiera e a scoprire in essa uno strumento prezioso, il solo che ci può ricondurre a un’unità con Dio.

Medjugorje: la preghiera è la nostra opportunità
Cari figli, oggi vi invito a rinascere nella preghiera e a diventare con mio Figlio, attraverso lo Spirito Santo, un nuovo popolo”
La Madonna ci richiama ad un rinnovamento interiore profondo che solo l’azione dello Spirito Santo può operare in ognuno di noi.
E la preghiera è il mezzo che abbiamo a disposizione per permettere allo Spirito Santo di lavorare, plasmarci e rinnovare i nostri cuori per ritrovare la consapevolezza di appartenere a una grande famiglia: la famiglia di Dio.

Medjugorje, Messaggio della Regina della Pace del 2 agosto 2011 alla veggente Mirjana:

Cari figli, oggi vi invito a rinascere nella preghiera ed a diventare con mio Figlio, attraverso lo Spirito Santo, un nuovo popolo. Un popolo che sa che se perde Dio ha perso se stesso. Un popolo che sa che, nonostante tutte le sofferenze e le prove, con Dio è sicuro e salvo. Vi invito a radunarvi nella famiglia di Dio ed a rafforzarvi con la forza del Padre.
Come singoli, figli miei, non potete fermare il male che vuole regnare nel mondo e distruggerlo. Ma per mezzo della volontà di Dio tutti insieme con mio Figlio potete cambiare tutto e guarire il mondo. Vi invito a pregare con tutto il cuore per i vostri pastori, perché mio Figlio li ha scelti. Vi ringrazio”.

Riflessione del Messaggio per oggi da Medjugorje: la preghiera

La Madonna ci ama e ci mette in guardia dalle false concezioni, tra cui illuderci di poter contrastare con le sole nostre forze il male che vuole regnare in noi e intorno a noi. “Ma per mezzo della volontà di Dio” – ci dice la Regina della Pace. Solo attraverso la volontà di Dio e quindi una vita vissuta in stretta unione con Lui, di amicizia vera e sincera lontana dal peccato. E importantissimo (!) aggiunge:”(..) tutti insieme con mio Figlio” perché l’unità tra noi è fondamentale.

Oggi siamo più esposti al male perché la società è sempre più arida di fede e più divisa. Ognuno vive isolato e solo. La cultura edonistica ci ha reso più soli e di conseguenza vulnerabili.

Simona Amabene

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]