Medjugorje festeggia Ivanka, la veggente che per prima ha visto la Madonna

Ivanka Ivankovic è nata il 21 giugno 1966 a Bijakovici, una frazione di Medjugorje, dove si trova la Collina delle apparizioni. Oggi compie 55 anni.

Veggente Ivanka con Madonna

È stata la prima tra i veggenti a vedere la Madonna quel 24 giugno 1981.

Allora aveva solo 15 anni ed era una ragazza bellissima, con i capelli lunghi castani e un viso dolcissimo. Il 24 giugno, festa di San Giovanni il Battista, era usanza riposare dai lavori nei campi, e così lei e Mirjana, ne approfittarono per fare una passeggiata fuori dal paese ai piedi del Podbrdo e raccontarsi le confidenze, come ogni giovane di quell’età.

La prima volta che vide la Madonna

Ma ecco che Ivanka, a un certo punto, non sa spiegare il perché, sentì di guardare verso la collina: “Guarda, Mirjana: lassù c’è la Madonna!”. L’amica fu contrariata da questa sua esternazione, pensò che stesse delirando ma poi da lì a breve dovette ricredersi, perché anche lei vide la stessa figura femminile.

Fu l’inizio di un cammino straordinario per Ivanka, che cominciò a vedere la Madonna quotidianamente. Poco prima della visione le apparivano tre lampi di luce, poi arrivava la Madonna e insieme pregavano e parlavano. Alla fine le dava la sua benedizione materna. Tutto ciò avvenne ogni giorno, sino al 7 maggio 1985. Quel giorno le fu affidato il decimo segreto e la Madonna parlò con lei per circa un’ora. Fu la sua apparizione più lunga.

La Vergine le disse:” Non essere triste, perché io verrò a farti visita in occasione di tutti gli anniversari, tranne il prossimo. Figlia mia, non pensare di aver commesso qualche errore e che per questo motivo non verrò più a farti visita. Non hai fatto nulla! Tu hai accolto con tutto il cuore e realizzato i piani che mio Figlio e io avevamo preparato. Sii felice, perché io sono tua Madre che ti ama con tutto il cuore. Ivanka, grazie per aver risposto alla chiamata di mio Figlio e per essere stata perseverante come Lui si aspettava“.

Per Ivanka è stato molto difficile accettare di non vederla più ogni giorno, un dolore immenso, così come prima fu per Mirjana e successivamente per Jacov.

La vita eterna esiste

Ivanka testimonia inoltre l’esperienza della vita eterna. Racconta che due mesi prima che iniziassero le apparizioni, era morta la sua cara mamma, di cui un giorno chiese notizie alla Madonna. E la risposta fu che era con Lei in Paradiso. In un’altra occasione Dio le concesse la grazia di poter rivedere la sua mamma e di riabbracciarla. Non solo, le parlò anche: “Figlia mia, sono orgogliosa di te“.

La Regina della Pace le ha anche rivelato la sua vita ed il futuro della Chiesa e del mondo. Ivanka ha scritto tutto quanto e solo quando la Vergine Santa le darà il permesso, lo consegnerà a chi di dovere.

Il terzo segreto e l’importanza di vivere i messaggi

Ivanka dice che Dio le ha concesso un grande dono ma anche una grande responsabilità davanti a Lui e agli uomini. Anche lei come gli altri veggenti ha visto il segno di cui parla il terzo segreto che è bellissimo, ma dice che non dobbiamo aspettare quel giorno per la conversione, occorre convertirsi ogni giorno, aprire il cuore e vivere i suoi messaggi.

Le cose fondamentali da seguire sono la lettura della Bibbia, la Confessione, la Santa Messa, il Digiuno, che ci conducono alla conversione e dunque alla pace.

Come gli altri cinque veggenti, è stata interrogata da venti componenti della Commissione Vaticana su Medjugorje, guidata dal Cardinale Ruini e voluta da Papa Benedetto XVI.

L’intenzione a lei affidata dalla Vergine è la preghiera per le famiglie. Ivanka sottolinea che la Madonna ci mette in guardia dall’azione di Satana che è molto forte e cerca di distruggere le famiglie. Perciò ci invita a rinnovare la preghiera famigliare e vivere una vita cristiana autentica.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]