La Madonna Addolorata piange per ogni oltraggio all’amore di Dio

La storia del culto alla Madonna Addolorata ebbe inizio il 15 Agosto del 1233, grazie a 7 fiorentini molto devoti.

Maria Addolorata
photo web source

All’epoca, quei 7 attori/poeti fiorentini, nobili e della compagnia dei Laudesi, erano soliti omaggiare Maria e lodarla regolarmente, fermandosi davanti ad una sua icona, dipinta sulla parete, lungo la strada.
Quel giorno, l’immagine si animò ed apparve vestita a lutto, a causa dell’odio tra le persone (in particolare, per la disputa tra guelfi e ghibellini).

La Madonna Addolorata si mostrò vestita a lutto

Lei era la Madonna Addolorata e quei 7 attori/poeti decisero di indossare, da quel giorno in poi, un abito a lutto, per continuare ad onorarla. Fondarono l’Ordine dei Servi della Beata Vergine Maria (i Serviti) e trascorsero il resto della loro vita ritirati sul monte Sanario, a nord di Firenze.
Il culto, dunque, cominciò a delinearsi e a diffondersi, come il contemporaneo Stabat Mater, composto da Jacopone da Todi.

Madonna Addolorata
photo web source

L’8 Settembre del 1233 (giorno che celebra la Natività della Madonna; festività dedicata a Maria, successiva a quella del giorno della visione), i 7 erano a Villa Camarzia, alla periferia di Firenze. Fu il loro direttore spirituale, il sacerdote Iacopo da Poggibonsi, a definirli “Fratelli della Penitenza” ed a stabilire i dettagli del loro abito: un mantello e una tunica di lana grezza e grigia.

La Consacrazione a Maria

Si erano consacrati a Maria con il seguente inno: “Regina del cielo, la gloriosa Vergine Maria perché essa, quale mediatrice e avvocata, li riconciliasse con il Figlio, a lui li raccomandasse e, supplendo con la sua abbondantissima carità la loro imperfezione, misericordiosamente impetrasse loro fecondità di meriti. In conseguenza di questo, a onore di Dio, sottomettendosi al servizio della Vergine Maria, vollero ormai essere chiamati servi di santa Maria”.
Da ricchi e spavaldi quali erano stati, si mostravano poveri e devoti; per questo divennero il punto di riferimento di quanti volessero tornare alla fede.

Era nato il culto della Madonna Addolorata, poiché l’Ordine dei Servi della Beata Vergine Maria ne propagò la devozione, insieme a quella dei 7 dolori di Maria e alla Corona della Via Crucis. A quest’Ordine, appartenne anche Padre David Maria Turoldo, predicatore e poeta.

Ecco i nomi dei primi 7 Serviti

Papa Leone XIII, il 15 Gennaio del 1888, definì i 7 Santi Fondatori dell’Ordine dei Servi della Beata Vergine Maria con i seguenti nomi: Bonfiglio dei Monaldi, Bonagiunta Manetti, Manetto dell’Antella, Amideo degli Amidei, Uguccio degli Uguccioni, Sostegno dei Sostegni, Alessio dei Falconieri. A loro erano stati riconosciuti dei miracoli compiuti ad unisono. Sono celebrati il 17 Febbraio.

Madonna Addolorata preghiera
photo web source

Nel 17esimo centenario della nascita dell’Ordine, nel 1933, le reliquie dei 7 Santi Fondatori dell’Ordine dei Servi della Beata Vergine Maria furono poste nella cappella nella Chiesa di Monte Senario.

Quando si celebra la Madonna Addolorata

La Madonna Addolorata, inizialmente, era ricordata nella Settimana Santa e commemorata il venerdì prima di quella settimana o quello dopo la Pasqua, per meglio collegarla agli eventi della Passione di Cristo e sottolineare il ruolo della Mamma celeste ai piedi della croce del suo Figliolo. Nel 1913, fu Papa Pio X a stabilire di celebrarla il 15 Settembre.

Ave Maria all’Addolorata

Ave Maria, piena di dolori, Gesù Crocifisso è con te.
Tu sei degna di compassione fra tutte le donne e degno di compassione è il frutto del tuo seno, Gesù.
Santa Maria, Madre di Gesù Crocifisso, ottieni a noi, crocifissori del Figlio tuo, lacrime di sincero pentimento, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]