La preghiera a San Giuseppe per tutti coloro che soffrono nel corpo

Il primo mercoledì di ogni mese la Chiesa ricorda San Giuseppe, padre, guida e protettore, a cui abbiamo affidato tutti i sofferenti nel corpo. 

Preghiera a San Giuseppe per i malati
Photo web source

Per nove giorni consecutivi abbiamo recitato la preghiera a San Giuseppe, per coloro che soffrono a causa di una malattia o un infortunio.
La preghiera ci permette di farci prossimi, di raggiungere tutti gli afflitti da sofferenze fisiche, soprattutto chi è  in ospedale, e di alleviare un pò della loro fatica, con amore.

Arrivano ogni giorno richieste di preghiera da parte di amici, per i loro cari che combattono la malattia. E da parte di sconosciuti ma sempre fratelli in Cristo, che chiedono sostegno. Alla loro sofferenza fisica, in questo momento, si aggiunge una condizione di isolamento che rende tutto più faticoso. C’è chi è ricoverato in ospedale e a causa delle misure di sicurezza anti Covid non può essere accudito e confortato dalla presenza di un familiare. C’è chi vive la malattia nella solitudine della propria casa. In più a tutte le limitazioni che le disposizioni di sicurezza impongono, si aggiunge la condizione del sistema sanitario ingolfato e la conseguente sospensione di esami, visite e controlli.

Photo web source

Affidamento a San Giuseppe

Ci rivolgiamo a San Giuseppe con fiducia, lui che è grande protettore e guida, e gli affidiamo tutte le sofferenze fisiche personali e dei nostri fratelli e delle nostre sorelle, affinché possa intercedere per loro, tutte le grazie necessarie ad affrontare il periodo di sofferenza.

Preghiera

Nel nome del Padre e del Figlio e dello spirito Santo. Amen.

Misericordioso san Giuseppe, tu sei la speranza dei malati, e tutta la Potenza di Gesù è nelle tue mani. Dunque, per te non c’è niente di impossibile. Ascolta con benevolenza quelli che t’invocano in questo giorno a causa delle membra sofferenti della Chiesa. Noi ti preghiamo, addolcisci le mie pene (o di colui che raccomandiamo in modo particolare).

Dammi (dagli) la grazia di una totale sottomissione alla divina Volontà. Ma mostrami(gli) anche la tua bontà trasmettendomi(gli) la pazienza e ridandomi(gli) la salute, con la grazia di condurre una vita santa e completamente gradita a Dio.

Festa di San Giuseppe patrono della Chiesa universale e custode della Sacra Famiglia

Buon San Giuseppe, non farci pregare invano, ma degnati, per mezzo di questo nuovo favore, di accrescere la nostra fiducia e la nostra riconoscenza verso di te e verso la divina bontà. Amen.

Simona Amabene  

@Riproduzione riservata 
La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]