Genova: la terribile profezia di Santa Brigida si è avverata?

Qual è la terribile profezia pronunciata sulla città di Genova da Santa Brigida?

La santa di origini svedesi ne predisse la distruzione.

Genova, la terribile profezia di Santa Brigida

La terribile profezia di Santa Brigida su Genova

Meno di un anno fa abbiamo assistito ad una delle tragedie più grandi della nostra storia recente. Era agosto quando il Ponte Morandi ha ceduto mentre le auto procedevano da un lato all’altro della struttura. Potrebbe apparire a molti irrispettoso parlarne, ma ci sono alcuni religiosi che pensano che questa tragedia possa essere stata anticipata da Santa Brigida. La santa proveniente dalla Svezia, infatti, venne in visita alla città ligure verso la metà del ‘300, e pronunciò una terrificante profezia contro di essa.

Secondo la tradizione, infatti, Santa Brigida un giorno si fermo presso il muro della Chiappe, sul colle del Peralto, e disse: “Un giorno il viandante che passerà dall’alto dei colli che recingono Genova, accennando con la mano i lontani cumuli di detriti, dirà: laggiù fu Genova”. Una profezia terrificante, seguendo la quale è stato deciso di costruire la chiesa della Madonnetta con la facciata rivolta verso la montagna per non assistere alla distruzione si Genova.

Un’altra profezia parla di un destino nefasto per Genova

Credere che vi sia correlazione tra la profezia e quanto accaduto è fantasioso e razionalmente errato. Non vogliamo asserire che una profezia non possa verificarsi, ma  quella della Santa è semplicemente una legenda. Inoltre, qualora fosse vera, avrebbe preannunciato la distruzione completa della città, cosa che per fortuna non si è verificata. Ne esiste una seconda (di profezia o presunta tale) che, secondo gli storici, sarebbe riferita a Genova. Si tratta di una scrittura notarile del ‘400 in cui si legge: “Tra Capo di Faro ed Albaro si erge una civitas opulentissima, che sarà distrutta dal drago, allora si dirà hic fuit Ianua Superba”.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello