Cristianofobia: un inizio d’anno davvero preoccupante in molte parti del mondo…

Foto

Inizio d’anno davvero triste sul fronte della cristianofobia: molti i gesti di disprezzo della fede cattolica consumatisi nelle ultime ore ed in diverse zone del mondo.

Ignoti si sono introdotti, ad esempio, presso il luogo denominato Calvario, sistemato dietro la chiesa di Cabourg, nella regione di Calvados, in Francia, poi hanno scalzato dai loro basamenti, danneggiandole, le statue della Vergine Maria e di San Giovanni, originariamente sistemate accanto a quella di Cristo in Croce e, per decenni, luogo di pellegrinaggio e meta di preghiera per migliaia di fedeli. Le effigi erano state da poco restaurate.

Ancora: nel quartiere East Bay di El Cerrito, cittadina della contea di Contra Costa, nei pressi di San Francisco, il presepe storico qui allestito è stato profanato per la prima volta in tre quarti di secolo. Sparito un pastore, di un altro è stata sottratta la testa. “Decapitato” anche un angelo. Questa rappresentazione della Natività è particolarmente cara alla gente del posto, in quanto voluta su spazio pubblico nel 1949 da un immigrato cristiano originario delle Indie, Sundar Shadi: ben presto la realizzazione dell’opera ha coinvolto l’intera collettività locale. Per capire chi possa avere commesso l’empio gesto, gli inquirenti stanno vagliando le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza.

Rovesciata la statua di Gesù Cristo e decapitate quelle di Maria e Giuseppe anche presso la chiesa di S. Odilo di Berwyn, prima periferia di Chicago, Illinois. Gli autori del gesto blasfemo hanno gettato uova sul presepe allestito dalla parrocchia davanti all’edificio sacro. Ma questa volta la Polizia è riuscita a bloccare i responsabili: si tratta di tre adolescenti, tutti arrestati. Secondo quanto riferito da un testimone, uno di loro, durante l’assalto, avrebbe inneggiato a Satana.

Di nuovo un presepe profanato a Crans-Montana, in Svizzera: qui ignoti si sono accaniti sulle sagome in legno, a grandezza naturale, della Sacra Famiglia esposte all’aperto, di fronte al tempio. Ora le statuette “superstiti” sono state riportare all’interno.

Pare proprio che il 2015, da questo punto di vista, non si sia aperto certo sotto i migliori auspici…

Fonte: Nocristianofobia.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here