San Nicola è il vero Babbo Natale

Babbo Natale
foto web source

Non si contano più i Paesi in cui è diffusa la figura di Babbo Natale, l’uomo gentile e barbuto che porta i doni ai bambini (prima di Natale o subito dopo), se, e solo se, sono stati buoni durante tutto l’anno. Seppur con differenti nomi e qualche modifica, in merito agli avvenimenti che portano alla leggendaria figura, tutto richiama al personaggio storico di San Nicola, il Vescovo di Mira (oggi Demre, in Turchia) vissuto nel IV secolo, e alla sua fama di difensore dei bambini e non solo.

Babbo Natale è Santa Claus nel nord del mondo

Il nome “Santa Claus”, in particolare, deriva dal termine olandese “Sinterklaas”, che è la traduzione di “San Nicola”.
Ancora oggi, in Nazioni come i Paesi Bassi, il Belgio, l’Austria, la Svizzera, la Germania, la Repubblica Ceca, la Slovenia e anche alcuni luoghi dell’Italia, lui, Babbo Natale, viene raffigurato con gli abiti vescovili.
In qualche luogo, San Nicola è surclassato da San Basilio Magno (Vasilis) o da San Martino di Tours (Sint-Maarten), ma sempre con le medesime accezioni; a volte arriva a cavallo, altre volte con le renne, ma è comunque un uomo che porta doni.

Un’antica tradizione germanica, ad esempio, racconta la storia un uomo Santo che dovette affrontare un demone.
Nei vari e differenti racconti locali, si parla, di volta in volta, di un diavolo, di un troll, di Krampus (un demone che va alla ricerca dei cattivi, specialmente se bambini) o dell’uomo nero che uccide nei sogni.
In ogni caso, il demone si calava nelle case dalla canna fumaria, in piena notte, in cerca di bambini da trucidare!
L’uomo Santo, allora, cominciò a cercare il demone per fermare la sua violenza e riuscì a catturarlo.

Babbo Natale
foto web source

Lo imprigionò con dei ferri benedetti, spesso identificati con quelli usati per Gesù prima della crocifissione o di San Pietro e San Paolo.
Il demone, così, fu piegato agli ordini del Santo e costretto ad andare di casa in casa, pentendosi del male arrecato e portando dei doni ai bambini.
In alcune versioni, il demone rimane cattivo e talmente lontano dal voler essere buono da preferire tornare all’inferno; in altre il demone si converte e, coinvolgendo alla bontà elfi e folletti, diventa Babbo Natale per sempre.

Babbo Natale: chi lo ha vestito così?

Con la fusione tra molte leggende folcloristiche e la vera storia di San Nicola di Mira/Bari, la figura di Babbo Natale subisce, in vari Paesi, come nel corso del tempo, diverse modifiche e si fregia di caratteristiche e appellativi diversi.
Accade tutto ciò anche in merito al suo abito: quello che oggi siamo abituati a vedere, non è stato sempre così.
In alcune raffigurazioni britanniche del XVII secolo, l’uomo barbuto e grassottello che porta i doni ai bambini buoni, si mostra vestito di verde, con tanto di mantello e di pelliccia ai bordi dell’abito.

Babbo Natale
foto web source

Raffigura lo spirito della bontà del Natale, così come è citato anche nella celebre opera “Canto di Natale” di Charles Dickens (lo Spirito del Natale presente).
Nel 1823, ci fu, poi, un “cambiamento d’immagine” per Santa Claus, quando lo scrittore newyorchese Clement Clarke Moore scrisse la poesia “A Visit from Saint Nicholas”. Per illustrare l’opera, Babbo Natale apparse raffigurato con barba bianca, vestito rosso e un sacco pieno di regali. Si muoveva su una slitta, trainata dalle renne.

Nel 1862, Thomas Nast disegnò, per la rivista “Harper’s Weekly”, il Babbo Natale con giacca rossa, barba bianca e stivali.
Sono in molti a sostenere che l’abito rosso, con bordi pellicciati bianchi, fosse dovuto ad uno spot della Coca-Cola, che negli anni ’30 utilizzò la figura di Santa Claus per le feste natalizie.

Babbo Natale
foto web source

Tuttavia, questa ipotesi può essere facilmente confutare, in quanto Babbo Natale, col vestito che tutti oggi conosciamo, già alla fine del XIX secolo, era stato posto sulla copertina del periodico “Puck” e troneggiava in molte illustrazioni associate a raccolte di canzoni natalizie e in tante cartoline di auguri.
Inoltre, era stato il richiestissimo testimonial della White Rock Beverages, per pubblicizzare l’acqua minerale, nel 1915, e il ginger, nel 1923.
In ogni caso, in molte illustrazioni, forse proprio in memoria di San Nicola, ancora oggi, Babbo Natale veste i panni rossi del Vescovo, con tanto di copricapo.

Leggi anche: San Nicola: l’unico, vero Babbo Natale da “attendere” e seguire