Storie di anime del Purgatorio che sono tornate a chiedere preghiera

Le anime del Purgatorio chiedono preghiere, cercano conforto per arrivare, un giorno, a godere anche loro della Gloria di Dio. 

anime-del-purgatorio
photo web source

Anche i Santi, nel corso della loro esistenza, hanno avuto particolari richieste di aiuto e di preghiera dalle anime del Purgatorio. 

Anime del Purgatorio: quando chiedono aiuto e preghiera

Il Purgatorio è il luogo della purificazione o “di pena temporanea”, alle quali le anime devono sottostare per poter, poi, accedere alla Gloria del Paradiso. Queste anime chiedono, ogni giorno, preghiere e pensieri a chi è ancora sulla Terra, per dare loro la possibilità di “accelerare” questa purificazione e poter essere accolte, quanto prima, al Paradiso.

Nel libro “Apparizioni straordinarie delle anime del purgatorio” di don Marcello Stanzione si racconta come le anime del Purgatorio abbiano vita e come queste si manifestino a noi che siamo ancora sulla terra. Santi, Beati o anche semplici credenti hanno avuto la possibilità di vedere e parlare direttamente con le anime del Purgatorio ed ascoltare, dalla loro viva voce, cosa essi chiedevano.

Don Tommaselli e il dialogo con l’anima della madre defunta

Uno di questi è stato l’esorcista Don Giuseppe Tommaselli, il quale ha raccontato come, più volte, l’anima di sua madre era apparsa a lui come anima purgante: “Da due anni e mezzo mia madre era morta. Ecco all’improvviso apparire nella stanza, sotto sembianze umane. Era triste assai. Mi avete lasciata nel Purgatorio! […]

anime-purgatorio-1
photo web source

L’anima mia è circondata di oscurità e non posso vedere la Luce, che è Dio! Sono alla soglia del Paradiso, vicino al gaudio eterno, e spasimo del desiderio di entrarvi; ma non posso!”.

Un racconto di un’anima che chiede aiuto per uscire dalla condizione di essere in Purgatorio e di andare altrove: “Appena spirata, ho visto Dio, ma non in tutta la sua luce” – continua a raccontare l’anima della madre di don Tommaselli – “Cosa possiamo fare per liberarvi subito? – Ho bisogno di una sola Messa. Iddio mi ha permesso di venirla a chiedere […] Si celebrarono due Messe e dopo un giorno riapparve, dicendo: Sono entrata in Paradiso!”.

Santa Teresa e la liberazione di un’anima dal Purgatorio

Accanto a questa testimonianza dei giorni nostri, c’è anche quella di Santa Teresa d’Avila. E’ stata lei stessa a narrarci, nei suoi scritti, della liberazione di un’anima dal Purgatorio mentre riceveva la Santa Comunione: “Due mesi dopo quel buon signore ebbe un colpo apoplettico in seguito al quale perdette la parola, ma il Signore mi fece sapere della morte del nostro gran benefattore e mi comunicò anche che era salvo, ma avrebbe dovuto rimanere in purgatorio fino a che venisse celebrata la prima S. Messa […]

Santa Teresa
(Websource/Archivio)

Quando vi fu celebrato per la prima volta il Santo Sacrificio, nell’attimo in cui mi avvicinavo all’altare per ricevere la santa comunione, con mia grande gioia scorsi l’anima del nostro benefattore che a mani giunte e con volto luminoso mi ringraziava ed entrava in cielo” – scriveva la Santa.

Racconti che ci fanno riflettere, e ci sollecitano a ricordare coloro ci hanno già preceduto nell’aldilà e hanno necessità della nostra preghiera per poter goderei pienezza della luce beata di Dio e porre fine alle loro  sofferenze.

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]